[Colonne sonore dal futuro] Iron Flowers

by - giugno 15, 2018


Se non avete ancora letto Iron Flowers di Tracy Banghart, allora non vi resta che rimediare al più presto. Un distopico per ragazzi targato DeAgostini che lascia il fiato sospeso, ma che al contempo fa riflettere il lettore.

Continua a leggere

      IRON FLOWERS
    di Tracy Banghart
    
      CASA EDITRICE: DeAgostini
      GENERE: Romanzo distopico
      COLLANA: DeA Planeta Libri
      SERIE: -
      PAGINE: 384
      FORMATO: Cartonato con sovraccoperta
      PREZZO: 15,90 euro
      DATA D'USCITA: 29.05.2018
      LINK D'ACQUISTO AMAZON: QUI


TRAMA: NON TUTTE LE PRIGIONI HANNO LE SBARRE. IN UN MONDO GOVERNATO DAGLI UOMINI, IN CUI LE DONNE NON HANNO ALCUN DIRITTO, DUE SORELLE NON POTREBBERO ESSERE PIU' DIVERSE L'UNA DALL'ALTRA. NOMI E' TESTARDA E INDISCIPLINATA. SERINA E' GENTILE E ROMANTICA, E SIN DA PICCOLA E' STATA ISTRUITA PER ESSERE UN ESEMPIO DI FEMMINILITA', ELEGANZA E SOTTOMISSIONE. SONO QUESTE LE DOTI RICHIESTE PER DIVENTARE UNA GRAZIE, UNA DELLE MOGLI DELL'EREDE AL TRONO. MA IL GIORNO IN CUI LE RAGAZZE SI RECANO NELLA CAPITALE DEL REGNO, PRONTE A CONOSCERE IL LORO FUTURO, ACCADE QUALCOSA DI INASPETTATO CHE CAMBIERA' PER SEMPRE LE LORO VITE. PERCHE', CONTRO OGNI PREVISIONE, E' PROPRIO L'INDOMABILE NOMI A ESSERE SCELTA COME COMPAGNA DEL PRINCIPE, E NON SERINA. E MENTRE PER NOMI INIZIA UNA VITA A PALAZZO, TRA SFARZO E PERICOLOSI INTRIGHI DI CORTE, SUA SORELLA, ACCUSATA DI TRADIMENTO PER AVER MOSTRATO DI SAPER LEGGERE, VIENE CONFINATA SULL'ISOLA DI MONTE ROVINA, UN CARCERE DI DONNE RIBELLI IN CUI, PER SOPRAVVIVERE, BISOGNA COMBATTERE E UCCIDERE. E' COSI CHE ENTRAMBE SI TROVANO PRIGIONIERE, L'UNA DI UNA GABBIA DORATA E L'ALTRA DI UNA TRAPPOLA INFERNALE. PER LE DUE SORELLE LA FUGA E' IMPOSSIBILE: UN SOLO ERRORE POTREBBE SIGNIFICARE LA MORTE. E ALLORA, QUANDO NON C'E' SOLUZIONE, L'UNICA SOLUZIONE E' CAMBIARE LE REGOLE.

Solo il coraggio di una donna può cambiare il mondo.



Sebbene ormai mi fidi del catalogo della collana di DeAgostini per ragazzi, DeA Planeta Libri, leggendo la trama di Iron Flowers, temevo scadesse nel solito young adult, dai temi anche complessi, ma trattati in modo approssimativo.
Il lavoro di Tracy Banghart invece non si lascia solo leggere, ma offre diversi spunti di riflessione.

Un romanzo ribelle, all'insegna del girl power. Una storia che spinge a dire basta e a reagire. Perché nessuno ha il diritto di decidere per te.

Nomi e Serina sono sorelle, ma non potrebbero essere più diverse. La prima è caparbia, coraggiosa e dall'animo ribelle, mentre la sorella maggiore Serina è ligia al dovere e un puro esempio di perfezione. Quest'ultima non potrebbe essere diversa, del resto. Fin da piccola è stata istruita per diventare una grazia, una delle future mogli dell'erede.  
Dimentichiamoci per un attimo le lotte per l'indipendenza femminile e l'equiparazione tra i sessi, perchè nella realtà delle due protagoniste, sono un miraggio. Le donne sono sottomesse agli uomini, con l'unica vocazione di rispettare il loro volere.
Il romanzo inizia con il viaggio delle due sorelle alla volta del palazzo reale, dove l'erede sceglierà tre grazie. Nomi è accanto a Serina; se la seconda, infatti, ha imparato le arti, l'eleganza e l'educazione, la prima è stata istruita come dama di compagnia della sorella.   
Per Nomi il ruolo le sta stretto e l'unico desiderio che nutre sin da bambina è essere libera. Nasconde però un segreto che solo suo fratello gemello Renzo e Serina conoscono: sa leggere. Solo agli uomini è concesso, ma la voglia di sapere di Nomi non l'ha mai fermata, nemmeno la prospettiva di una dura punizione.

Quando non c'è soluzione, l'unica soluzione è cambiare le regole, e a volte bastano due solo donne per farlo.

Giunto il momento della scelta però accade qualcosa di inaspettato: l'erede al trono, Malachi, scelte le prime due grazie, fa ricadere la terza scelta su Nomi e non su Serina, che di contro viene spedita alla prigione di Monte Rovina perchè accusata di saper leggere.

Ho letto il romanzo tutto d'un fiato.
La distopia è evidente dalla condizione in cui versano le donne, tutt'altro che facile. Vengono da un lato maltrattate, umiliate e usate. Dall'altro, sono loro stesse che accettano l'iniqua condizione . Ma il coraggio di Nomi cambierà decisamente le cose: farà ravvedere Serina, che si vedrà costretta a riconsiderare la propria posizione.
In Iron Flowers, dopo un inizio funesto, il femminismo domina la scena, in un inno alla libertà. A sfondi delle lotte delle protagoniste, ci saranno il Palazzo Reale per Nomi e la prigione di Monte Rovina per Serina. Quest'ultimo, un luogo caratterizzato dalla natura ostile, spesso ultima meta di viaggio per molte donne che infrangono i duri dettami.
Qui Serina dovrà fare i conti con le prove alle quali vengono sottoposti fisico e mente. Mentre Nomi vivrà dietro le sbarre di una prigione dorata, la sorella maggiore dovrà guadagnarsi il proprio posto tra le prigioniere del luogo, a suon di combattimenti e stridore di denti.
Nomi sarà invece impegnata a tentare di fuggire da Palazzo il prima possibile. Ma se il piano sembra filare liscio, l'inganno sarà in agguato.

Iron Flowers è un romanzo profondo, che accende la miccia della critica sociale e della lotta per l'uguaglianza.














Potrebbero anche interessarti

0 commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Contenuti © Bookitipy