[Recensioni] Il porto proibito

by - novembre 01, 2017


Buon mercoledì lettori e buon giorno di vacanza a tutti! Da un paio di mesi il blog ha cambiato veste e non potrei essere più felice. Purtroppo ho dovuto abbandonare il vecchio, ma piano piano vorrei trasferire gli articoli a cui tengo di più qui. Tra quelli che vorrei riproporvi, c'è sicuramente la recensione di Il Porto Proibito della coppia, anche nella vita, Radice - Turconi. E' un romanzo grafico che mi è rimasto nel cuore, che chiunque dovrebbe leggere. Oggi cercherò di suscitarvi un po' di curiosità per la storia di Abel.

Continua a leggere

     IL PORTO PROIBITO
    di Teresa Radice e Stefano Turconi
    
      CASA EDITRICE: Bao Publishing
      GENERE: Ballata per vecchi marinai
      COLLANA: -
      SERIE: -
      PAGINE: 312
      FORMATO: Cartonato 16 x 22
      PREZZO: 21,00 euro
      DATA D'USCITA: 08.05.2015
      LINK D'ACQUISTO AMAZON: QUI


TRAMA: NELL'ESTATE DEL 1807, UNA NAVE DI SUA MAESTA' RECUPERA AL LARGO DEL SIAM UN GIOVANE NAUFRAGO, ABEL, CHE DI SE' RICORDA SOLTANTO IL NOME. DIVENTA BEN PRESTO AMICO DEL PRIMO UFFICIALE, FACENTE FUNZIONI DI CAPITANO PERCHE' IL COMANDANTE DELLA NAVE E', A QUANTO PARE, SCAPPATO DOPO ESSERSI APPROPRIATO DEI VALORI PRESENTI A BORDO. ABEL TORNA IN INGHILTERRA CON L'EXPLORER, E TROVA ALLOGGIO PRESSO LA LOCANDA GESTITA DALLE TRE FIGLIE DEL CAPITANO FUGGIASCO. BEN PRIMA CHE GLI POSSA TORNARE LA MEMORIA, PERO', SCOPRIRA' QUALCOSA DI PROFONDAMENTE INQUIETANTE SU DI SE', E COMPRENDE LA VERA NATURA DI ALCUNE DELLE PERSONE CHE LO HANNO AIUTATO. DALL'AFFIATATO TEAM CREATIVO COMPOSTO DA TERESA RADICE E STEFANO TURCONI, UN LIBRO INTENSO, CHE SCAVA NELL'ANIMA DEI PROTAGONISTI E DEI LETTORI, CHE BAO PROPONE IN UNO SPECIALE CARTONATO A DORSO TONDO REALIZZATO PER RICORDARE UN ANTICO TONO MARINARO.



Il Porto Proibito è pura poesia. Il bianco e nero di Stefano Turconi si intreccia al testo di Teresa Radice. L'incontro funziona alla grande e ci regala un'opera di grande maestria. Il volume si completa del lavoro eccezionale della casa editrice che dona ai suoi lettori quello che, a una prima occhiata, sembra un vecchio tomo. Le pagine spesse e ruvide contribuiscono all'illusione.

La storia inizia con Abel, giovane naufrago ripescato al largo delle coste del Siam da una nave della marina inglese. Il capitano sembra essere fuggito dopo essersi appropriato dei valori a bordo e il facenti funzioni è il primo ufficiale che stringerà ben presto amicizia con Abel. Tornato in Inghilterra, il giovane trova alloggio presso la locanda gestita dalle tre figlie del capitano. Il clima è molto teso dopo la notizia della fuga del padre. Abel starà loro accanto, scoprendo nel frattempo quante più cose proprio sul capitano.

Dal blog di Stefano Turconi La casa senza Nord
Parlando dello stile del volume, le immagini sono splendide. Il bianco e nero non ha bisogno di colori perché è talmente curato e ricco di particolari che parla da solo. Grazie alla maestria di Stefano, le tavole trascinano il lettore nella vicenda dalle spiccate tinte marinaresche. Tutto riporta ai vecchi volumi, stinti e pesanti. Dal punto di vista grafico è un gioiello. Ma non finisce qui. Non dimentichiamoci che, essendo un romanzo grafico, Il Porto Proibito è anche intriso di parole. Parto con il dire che la narrazione è spezzata da strofe musicali, canzoni marinaresche e componimenti poetici. Ho utilizzato il termine spezzata, anche se non sarebbe del tutto corretto. Infatti, il graphic novel è un'armonia di momenti, narrati e non. Tutto è legato assieme perfettamente, senza che ci siano vuoti narrativi.

Dal blog di Stefano Turconi La casa senza Nord

Per quando riguarda invece la storia, non aspettatevi il semplice resoconto di un'avventura di marinai. Il Porto Proibito è molto di più. Accanto alla vicenda legata alla vita di mare, c'è un mistero che aleggia sulla vita di Abel. Chi è questo ragazzo salvato dalla marina e perché non ricorda niente del suo passato se non il suo nome?
Ad alimentare l'aspetto fantastico del volume, le numerose leggende che ruotano attorno al porto Proibito. Un luogo di cui non si sa molto, ma che sembra nascondere un segreto.
Dire che ho amato questo romanzo grafico è riduttivo. I disegni sono splendidi e la narrazione coinvolgente. Lo consiglio a chiunque è appassionato del genere, è un volume che dovrebbe trovare posto nella libreria di chiunque.

Perché possiate gustarvi altre tavole e lavori del bravissimo disegnatore Stefano Turconi, fate un giro sul suo blog La casa senza Nord.

                                                
"Solo ora mi accorgo di aver smesso di remare da un pezzo. Eppure, senza un alito di vento, la barca si sta dirigendo lentamente, inesorabilmente, verso quell'altrove. Lo riconosco, adesso. E' il porto proibito." 


  











Potrebbero anche interessarti

1 commenti

  1. Sono molto incuriosita da questo libro e mi piace moltissimo l'idea della Ce di mostrarlo come un tomo antico. Conosco già questi autori e trovo che abbiano dei tratti di disegno stupendi! *-*

    RispondiElimina

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Contenuti © Bookitipy